lunedì 18 settembre 2017

STORIE di PAROLE CURIOSE



"Storie di parole curiose" (Collana " La grande storia del mondo")
di Teresa Buongiorno
Illustrazioni di Elisa Paganelli
109 pagine
Einaudi Ragazzi 2017

età consigliata: dai dieci anni in poi

parla dell'origine di sessanta parole curiose

La collana "La grande storia del mondo" di Teresa Buongiorno nasce dalla sua convinzione che "... la storia rafforzi l'identità delle nuove generazioni" e comprende le storie di grandi libri, della storia, della terra, del mondo animale, di capolavori, di parole curiose.

60 parole curiose ormai di uso comune saltate fuori chissà da dove e chissà come ! 


Teresa Buongiorno ne scrive brevemente la storia della loro origine accompagnata dalle coloratissime illustrazioni di Elisa Paganelli.

Perché l' alfabeto considerato da Galileo Galilei la più grande conquista dell'uomo si chiama così? Cosa c'entrano fenici, sumeri e greci?

E ciao? È un saluto ormai quasi internazionale e sicuramente confidenziale ma è sempre stato così?

Qualche piccolo lettore conosce forse la storia della cravatta che deriva dalla sciarpa di lino portata al collo dai "...mercenari croati di passaggio a Parigi durante la Guerra dei Trent'anni dal 1618 al 1648..." e che venne adottata niente meno che dal Re Sole in persona?

La bellissima  "...barriera corallina vecchia di 200 milioni di anni un tempo sommersa dal mare..." prende invece il nome dal nobile francese Deodat de Dolomieu che in giro per le montagne si imbattè...nelle Dolomiti appunto...

E poi l'elicottero, i fossili, la mongolfiera, il pony express, il robot, gli scacchi, il tennis, il taxi, il web, lo zeppelin, il microbo, il meteo, i jeans, il lingotto, il radar, il pesce d'aprile ecc. ecc.


La carrellata di parole spiegate da Teresa Buongiorno è molto variegata. 

La scrittrice  invita i lettori a interrogarsi sul significato delle parole...avranno così modo di conoscere un mondo che magari non esiste più, persone di epoche passate o anche presenti che hanno scoperto o inventato qualcosa che ha preso proprio il loro nome, usanze, modi di dire...

Così anche le parole più strane smetteranno di esserlo!

Cecilia Mariotti

Nessun commento:

Posta un commento